Herpes labiale (Simplex) | Cause, sintomi, diagnosi, cura e terapia

Herpes labiale (Simplex) | Cause, sintomi, diagnosi, cura e terapia

Con il termine fuoco di sant’Antonio si fa riferimento principalmente all’Herpes Zoster, una malattia esantematica virale caratterizzata da un’eruzione cutanea, generalmente concentrata in un’unica area del corpo. Il primo è legato al rischio di ulteriore infezione della parte interessata, il secondo è che si acutizza la fase contagiosa. e le fitte all’ovaio sx mi lasciano sperare in una gravidanza!?! Alcuni gatti veicolano il virus anche senza aver mai sviluppato malattie virali. Ecco perché oggi andremo a parlare di cause, modalità di trasmissione, sintomi, diagnosi e terapia dell’Herpesvirus canino. Ci sono due tipi di virus dell’herpes; il virus herpes simplex tipo 1 che è responsabile del 60% delle febbri alle labbra e al volto e il virus herspes simplex tipo 2 più aggressivo e responsabile del rimanente 40% delle febbri. La prima eruzione (chiamata infezione primaria) è, in genere, più dolorosa, duratura e diffusa rispetto alle recidive: febbre e ingrossamento delle ghiandole linfatiche nella regione dell’inguine ne accompagnano frequentemente la fase iniziale.
Herpes labiale (Simplex) | Cause, sintomi, diagnosi, cura e terapia

C’è da dire che comunque è molto più contagioso quando abbiamo una febbre visibile sotto forma di vescica. Entro un paio di giorni dalla loro comparsa, le vescicole cominciano a ulcerarsi e a spurgare il pus: anche la fase di rottura è piuttosto dolorosa ed inoltre in questo stadio è possibile che il pus fuoriuscito possa provocare la comparsa di nuove bollicine in punti che fino a quel momento non era stati infettati. Inoltre, se si è già stati infettati una volta, non si è immuni a una seconda volta, in quanto si può contrarre nuovamente l’infezione. Questa evoluzione avviene nell’arco di circa 2 settimane. L’herpes simplex è un’affezione molto comune, spesso la sua comparsa viene preceduta da febbre o malessere generale, si caratterizza per la comparsa di una o più chiazze eritamatose, generalmente sulle labbra o sui genitali, sulle quali poi si formano in modo rapido delle vescicole disposte a grappoli. I primi sintomi compaiono solitamente entro 1 o 2 settimane, e fino a 3 settimane, dopo il contatto con il virus. Tramite le vescicole caratteristiche della malattia, si può trasmettere da persona a persona, come anche con il sangue, la saliva e il liquido cefalorachidiano.

La diagnosi si basa su un attento esame della cute da parte del medico sia visivo che con degli appositi strumenti oltre a ricercare la presenza del virus herpes simplex con dei test specifici. Andiamo dal medico E stato dimostrato che l’aciclovir (Zovirax), può dimezzare la durata di una febbre, addirittura della metà, limitandola a soli 7 giorni. Molti prodotti in commercio si preoccupano di alleviare i sintomi, poiché si applicano sulla zona interessata senza però andare a rilevare la causa. Non diffondiamola Siccome si trasmette con i contatti diretti o gli oggetti di uso comune stiamo attenti a non infettare gli altri e non condividere questi oggetti, oltre che per non infettare gli altri se ce l’abbiamo noi anche per non infettarci se sono altri i portatori del virus. Occhio allo stress e al sole Per far si che il virus dell’herpes non si svegli dal suo letargo se ne siamo gia portatori dobbiamo cercare di evitare lo stress e l’eccessiva esposizione al sole, 2 dei fattori scatenanti più comuni.

You may also like